fbpx
La Storia di Beetourist Capitolo 2

La Storia di Beetourist Capitolo 2

viaggi di gruppo beetourist

Capitolo 2

In questo capitolo riuscirò a raccontarti un intero anno , il 2014!

Penserai che sia successo poco e nulla…In realtà è stato un anno molto molto operativo, da parte mia, da parte dei creatori del sito internet un po’ meno.

Ma andiamo con ordine. Ci eravamo lasciati alla costituzione della società.

Ecco prima di raccontarti  come abbiamo perso 12.000 euro con un sito che non ha mai funzionato, lasciami descriverti la sensazione provata dopo aver messo quella firma sull’atto del notaio.

Ero euforica, con la voglia di spaccare il mondo, poi è arrivato un senso di responsabilità che ha bussato sulla spalla dicendo:  “ bella, ora tocca che pedali! “ .

Era una creatura quella piccola SRL appena nata, una pagina bianca e io ero l’autore.


“ Ogni viaggio inizia con un primo piccolo passo “

La prima cosa da fare era ottenere l’autorizzazione, per iniziare l’attività, dalla Provincia.

Assumendo il ruolo di direttore tecnico dovetti sostenere un esame in due lingue, presentare il dominio registrato del sito , una polizza fideiussoria e un contratto d’affitto per un locale commerciale o uso ufficio.

Riuscii a fare tutto in tempi decisamente record , non senza difficoltà bada bene … ma ottenni la licenza A + B , quindi agenzia viaggi e tour operator.

Un’altra tacca messa.


“ Ogni azione è una scelta e senza rendercene conto generiamo un mare di conseguenze”

Da un paio di mesi avevamo scelto una web agency per realizzare il sito alla modica cifra di 12.000 euro.  Erano pronti il layout e il logo, ora servivano i fornitori e toccava studiare perché del settore sapevo zero.

La scelta apparentemente più giusta fu quella di non firmare il rinnovo del contratto in Banca.  A Febbraio dopo due anni esatti, diedi le dimissioni. Le conseguenze di questa scelta ancora le sto pagando…la banca mi ha fatto causa per aver cessato il rapporto prima di 3 anni nonostante io abbia lasciato l’intero portafogli clienti , nonostante io abbia cambiato lavoro e non istituto, nonostante fossi a partita iva…Nonostante tutto ho l’udienza a Giugno e mi richiedono 11.000 euro di premi produzione che mi furono pagati. ( Ma questa è un’altra storia…)

Da quel momento iniziai lavorare con la web agency per definire il prima possibile i contenuti del sito e parftire! Peccato che dal mese seguente iniziò a rispondere con ritardo alle mie mail e alle telefonate.

Per tutto il corso dell’anno partecipai alle fiere del settore a Novembre andai a Londra al WTM e in quel contesto capii che non volevo essere un sito impersonale dove l’utente entra clicca e compra.

Volevo qualcosa di differente, mi mancava il contatto con le persone e decisi di creare itinerari su misura, di lavorare come un’agenzia fisica ma via telefono, che era l’unica cosa che avevo a disposizione visto che il sito tardava ad arrivare…


 

 

Capitolo 2 . Il primo sito di Beetourist.com.

” Ci sono variabili che non possiamo calcolare”

Come passa il tempo quando ci si diverte…ecco Natale.  Una mail finalmente mi regalò un barlume di speranza, dopo le vacanze le ultime modifiche e avremmo avuto un sito funzionante.

E così arriviamo alla fine dell’anno, me lo ricordo bene quel 31 Dicembre eravamo a Copenaghen su un ponte ad aspettare la mezzanotte.

Il 2014 era stato un anno bello ricco di cambiamenti, ero felice e sapevo che la direzione era quella giusta.

Pensavo al 2015 a quanto sarebbe stato pazzesco quell’anno, il sito finalmente on line,  avrei iniziato magari anche ad avere i primi guadagni, i miei risparmi ormai erano finiti, volevo porre delle buone basi , raggiungere gli obiettivi professionali per poter pensare a quelli personali. Volevo una famiglia .

Su quel ponte nella mia testa disegnavo il futuro.

Eppure ci sono variabili che non possiamo calcolare e due mesi dopo , una sera di Febbraio, la mia vita e di conseguenza quella di Bee è piombata nel buio assoluto.

Fui costretta a rivedere sogni, progetti e priorità.


Leggi il capitolo 3 

Nel prossimo capitolo :

  • Una battuta d’arresto
  • La ricerca di una nuova web agency

Se lo hai perso ecco il Capitolo 1 !

Leave a Reply

Your email address will not be published.